Scontri tra manifestanti e polizia a Roma, nel quartiere popolare e universitario della Montagnola. Gli incidenti sono scoppiati giovedì mattina quando le forze dell’ordine hanno cercato di sgomberare un edificio abbandonato in viale Ostiense, occupato poche ore prima dagli attivisti del movimento per il diritto alla casa Action. Quando gli agenti hanno tentato di entrare nello stabile, alcuni militanti hanno resistito lanciando oggetti contro le forze dell’ordine. Gli agenti, arrivati anche con i blindati, hanno risposto con piccole cariche e hanno utilizzato anche gli idranti per disperdere poco meno di un centinaio di persone, tra attivisti e occupanti. La polizia ha fatto sapere di aver effettuato alcuni fermi.

“In questi ultimi 13 anni, i movimenti di lotta per il diritto all’abitare, sono stati gli unici a costruire risposte e a ottenere delibere – scrivono i manifestanti in una nota – In un contesto di grave emergenza abitativa che tocca oltre 50.000 famiglie, grazie alla determinazione di centinaia di persone che si sono organizzate resistendo agli sfratti, occupando e manifestando,dopo anni di completa assenza della politica, la regione ha stanziato i primi 200 milioni di euro per l’attuazione di un piano per l’emergenza abitativa, soldi però fermi da oltre 2 anni. Due anni nei quali il Comune di Roma non ha fatto niente”.


video di Mauro Episcopo