I miliziani dell’Isis hanno raso al suolo con una colonna di bulldozer il sito archeologico di Nimrud, nei pressi della città di Mosul, occupata dal Califfato islamico di Abubakr al Baghdadi. E’ stato il ministero del Turismo e delle Antichità irachene a dare la notizia dello scempio con un post sulla sua pagina Facebook. Quanto accaduto “costituisce un crimine di guerra”, denuncia in un comunicato la direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova, che fa “appello a tutti i responsabili politici e religiosi della regione a sollevarsi contro questa barbarie”.

Non ci sono dettagli sull’estensione dei danni, ma il ministero del Turismo iracheno afferma che l’Isis continua “a sfidare la volontà del mondo e i sentimenti dell’umanità”. All’inizio di quest’anno gli uomini di al Baghdadi avevano annunciato l’intenzione di distruggere i reperti archeologici con la motivazione che secondo loro offendevano l’Islam. E il 26 febbraio erano arrivate, con un video di cinque minuti, le immagini della devastazione del museo di Mosul, della distruzione di statue e manufatti. Nimrud, la biblica Calah, è un sito assiro che si trova a sud di Mosul, seconda città irachena identificata come l’antica Ninive che si trova sotto il contro dei miliziani dal giugno scorso sulle sponde del Tigri. Nimrud fu fondata dal re Shalmaneser (1274-1245 avanti Cristo) e divenne capitale dell’impero assiro sotto Assurbanipal II (883-859 avanti Cristo) arrivando ad avere 100.000 abitanti.

I primi scavi risalgono al 1845 e proseguirono fino al 1873. Ripresero poi nel 1949 e andarono avanti fino alla metà degli anni ’70 portando alla luce resti del palazzo reale, basamenti, sculture, statue. In eccellente stato di conservazione fu quindi trovata una statua di Assurbanipal II ed enormi sculture alate con la testa di uomo e il corpo di animale oltre oggetti di avorio. Ebbe fortuna anche il cosiddetto “tesoro di Nimrud“, composto da 613 pezzi di gioielli d’oro e pietre preziose “sopravvissute” al saccheggio seguito all’offensiva americana contro Baghdad nel 2003, durante la seconda guerra del Golfo, grazie al fatto di essere conservato nel caveau della Banca centrale della capitale irachena.

Questi attacchi a siti antichi o a musei e opere d’arte hanno lo scopo anche di finanziare la guerra dell’Isis, afferma Jack Green, capo curatore del Museo Istituto Orientale presso l’Università di Chicago e esperto di arte iracheno. Solo i manufatti più grandi e le sculture vengono distrutti sul posto, mentre le opere o pezzi di queste che possono essere trasportate vengono venduti dal gruppo per finanziarsi. Nimrud era una delle quattro principali capitali assire che praticavano la medicina, l’astrologia, l’agricoltura e il commercio e ha anche prodotto alcuni dei primi scritti della civiltà. “E considerata la culla della civiltà occidentale, per questo motivo questa perdita è così devastante”, ha osservato Suzanne Bott, direttore del progetto per la conservazione del patrimonio per l’Iraq e l’Afghanistan dell’Università dell’Arizona e che ha lavorato a Nimrud per due anni tra il 2008 e il 2010 per il Dipartimento di stato Usa come parte di una collaborazione tra Stati Uniti e Iraq. L’esperta ha definito “incredibili” i reperti archeologici ormai distrutti per la qualità e la quantità di “informazioni che sono stati in grado di trasmettere sulla vita antica”.