“La norma l’ho fatta inserire io, ma avevo ricevuto rassicurazioni tecniche da avvocati e magistrati”. E’ la “confessione” di Matteo Renzi sulla legge salva-Berlusconi infilata di soppiatto nel testo attuativo della delega fiscale approvata in Consiglio dei ministri il 24 dicembre, giusto alla Vigilia di Natale. Le parole del premier sono riportate oggi da Il Fatto Quotidiano e da altre testate, dopo che ieri si era scatenata la “caccia” al responsabile dell’inserimento di una norma che, stabilendo delle soglie minime di punibilità per il reato di frode fiscale, cifre alla mano avrebbe cancellato la condanna subita dal leader di Forza Italia. Consentendogli, in prospettiva, di riconquistare la candidabilità negata dalla legge Severino proprio in seguito a quella condanna.

Quel che era emerso da subito, confermato da più fonti, è che le modifiche sono state inserite negli uffici della Presidenza del Consiglio, e non in quelli del Ministero dell’Economia, responsabile di una prima stesura dove la salva-Berlusconi e altre norme pro-evasori non figuravano. Renzi, scrive il Messaggero, si assume la responsabilità in toto: “Ne abbiamo parlato in cdm dove abbiamo riscritto alcune norme, molte inasprite, altre rese più light, poi lo abbiamo riletto articolo per articolo io e Padoan”. Il premier, però rifiuta le “dietrologie” su un intervento che molti hanno inquadrato nel celebre “patto del Nazareno”. E anche il ministro Padoan difende la bontà del provvedimento che allenterebbe la presa sui “comportamenti di minore rilievo” – si legge sul Corriere della Sera – senza rinunciare a colpire i “bravi a evadere”.

Intanto il giornalista Franco Bechis ha diffuso un ironico video in cui mette in rilievo come, nella conferenza stampa dopo il cdm del 24 dicembre, il prenier abbia sottolienato di aver letto tutte le norme del provvedimento “una per una in consiglio dei ministri”.

La “confessione” del premier arriva dopo una giornata in cui il nome del “colpevole” veniva reclamato a gran voce anche dall’interno del Pd, a cominciare da Stefano Fassina. L’Huffington Post lo aveva indicato nel viceministro dell’Economia Luigi Casero, ex Fi approdato nell’Ncd, che non solo ha smentito seccamente, ma ha confermato che le modifiche incriminate sono state introdotte a “casa” di Renzi, cioè alla Presidenza del consiglio. Dove il testo è passato per il Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi guidato da Antonella Manzione, fedelissima del presidente del Consiglio.