Stralciata la posizione del boss mafioso Bernardo Provenzano dal procedimento per la trattativa Stato-mafia. Il capomafia di Corleone verrà giudicato separatamente. La decisione del gup di Palermo Piergiorgio Morosini è motivata con l’incapacità di Provenzano di seguire il processo, viste le “ridotte rispondenze all’ambiente e la scarsa capacità di esprimersi”, attestate dai periti che sono stati ascoltati questa mattina nel corso dell’udienza preliminare. Presente in aula anche l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino che risponde di false dichiarazioni.

Per il solo Provenzano, il gup ha rinviato l’udienza al prossimo 23 gennaio. In quella data, il giudice rivaluterà le condizioni di salute del boss.