Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera sul decreto legge “Salva Ilva”. L’Aula ha risposto alla richiesta dell’esecutivo con 421 sì, 71 no e 24 astenuti. Domani mattina arriverà il voto definitivo sul provvedimento. La richiesta da parte del governo era arrivata nel giorno in cui vengono pubblicati da parte dell’Agenzia per l’ambiente della Puglia i dati relativi al 2011 sulle emissioni inquinanti in tutta la regione. La Puglia, secondo l’Arpa, risulta ”la regione con le maggiori immissioni in atmosfera di carattere industriale per varie sostanze inquinanti a livello nazionale”. Inoltre nella relazione sullo stato dell’ambiente nella regione, si legge anche che nel 2011 la qualità dell’aria in Puglia ha subito un “leggero peggioramento”.

Le sostanze inquinanti con maggiore presenza sono gli idrocarburi policiclici aromatici, le polveri sottili (Pm10), il monossido di carbonio e gli ossidi di azoto. L’Arpa Puglia scrive tuttavia che la situazione delle emissioni industriali inquinanti della Puglia è la peggiore in Italia pur avendo avviato “un importante processo di miglioramento della qualità dell’aria in collaborazione con le principali aziende locali”. I siti industriali di Taranto e Brindisi presentano le maggiori criticità sul piano dell’inquinamento. A Taranto in particolare sono alte le emissioni di idrocarburi policiclici aromatici (Ipa) dalla zona industriale mentre, secondo l’Arpa, le emissioni di benzoapirene sul quartiere Tamburi provengono per il 90 per cento circa dall’impianto cockerie dello stabilimento siderurgico Ilva. Inoltre sono elevate le emissioni di anidride carbonica a Taranto e Brindisi: nel 2010 e 2011 Taranto si è attestata sui 20 milioni di tonnellate all’anno, Brindisi poco meno: sulle 16-17 tonnellate.

A commentare i dati è stato lo stesso direttore dell’Agenzia per l’ambiente Giorgio Assennato, affermando durante gli Stati Generali  dell’Arpa in corso a Taranto, che ”i dati sul Pm10 (le polveri sottili, ndr) nel 2012 al quartiere Tamburi sono impressionanti. In particolare – ha aggiunto Assennato – da gennaio a luglio la centralina della sola via Machiavelli, nel quartiere, ha rilevato 36 sforamenti. Da agosto ad oggi invece non c’è stato neppure uno sforamento. Sapete perché?”, ha domandato Assennato ai presenti. “Perché all’Ilva sono arrivati i custodi giudiziari, che hanno fatto tra l’altro abbassare i cumuli di minerali in stabilimento”.