Skip to content


Sei in: Il Fatto Quotidiano > Cronaca > CasaPound, il v...

CasaPound, il vice rischia processo per favoreggiamento a spacciatore

Le accuse per il numero due del movimento di destra Andrea Antonini sono di favoreggiamento personale e falso materiale. Assieme a un complice avrebbe testimoniato per far rilasciare una carta d'identità, intestata a un'altra persona, a un latitante

CasaPound, il vice rischia processo per favoreggiamento a spacciatore

Andrea Antonini, consigliere del XX Municipio di Roma e vicepresidente di CasaPound Italia, potrebbe essere processato a breve per aver favorito, secondo l’accusa, la latitanza di uno spacciatore internazionale, Mario Santafede, arrestato a Barcellona nel 2008 e tra i 100 ricercati più pericolosi d’Italia. I reati contestati ad Antonini sono favoreggiamento personale e falso materiale. 

La procura capitolina ha concluso le indagini preliminari su Antonini e su un altro indagato, Pietro Casasanta. Secondo il pm Luca Tescaroli, Casasanta e Antonini avrebbero permesso che al malvivente venisse fornita una carta d’identità intestata a un terzo, Filippo Lo Brutto, in modo da depistare eventuali controlli da parte delle forze dell’ordine. I due avrebbero testimoniato davanti agli impiegati del Municipio, per confermare l’identità, poi rivelatasi falsa, dello spacciatore. Il documento con le false generalità venne trovato in possesso di Santafede al momento dell’arresto.

Intanto Antonini tiene a precisare che “sul caso Santafede, nel quale io e Casasanta non siamo né più né meno che parte lesa, sono già stato sentito due volte dagli uomini del Gico (Gruppo di investigazione sulla criminalità organizzata, ndr), ai quali ho raccontato tutta la verità. Evidentemente non è bastato. Ove ve ne sia la necessità, la ribadiremo dunque in sede giudiziaria”. Quindi il vicepresidente del movimento politico diffida “chiunque dall’accostare in modo improprio i nostri nomi e quello di Casapound a questa vicenda”. 

Nell’aprile 2011 Antonini venne gambizzato in via Flaminia a Roma con due colpi di pistola, agli inquirenti disse di aver ricevuto minacce da parte di “estremisti di sinistra”. Le indagini però presero un’altra piega, quella del regolamento di conti interno alla galassia della destra radicale, visto che in quello stesso periodo diversi simpatizzanti di estrema destra vennero gambizzati o addirittura uccisi.


Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione