“L’ affidamento della minore è stato svolto in modo corretto”. Parole del procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati. Si chiude così il capitolo che ha visto per giorni contrapporsi la Questura di Milano e la Procura dei minori su quanto accaduto il 27 maggio scorso, quando Ruby venne fermata in via Fatebenefratelli.

Il procuratore capo ha aggiunto: “In futuro non ci saranno altri accertamenti. Non ci sarà alcuna convocazione per Annamaria Fiorillo, la pm dei minori di turno, né per nessun altro magistrato del tribunale. Per quanto riguarda questa fase dell’indagine abbiamo chiuso”.

Il ministro dell’Interno, Roberto Maroni esprime ”soddisfazione” per le parole del procuratore capo di Milano sulla correttezza delle procedure per affido di Ruby. ”Io – ha aggiunto il ministro a margine di una visita a Gerusalemme – sono sempre stato certo della correttezza dei miei uomini: oggi c’e’ l’autorevole conferma da parte della Procura che la Questura di Milano ha agito correttamente e questo sgombra il campo da tutte le illazioni fatte”.