Eugen Ladstätter è il proprietario del Bärenhotel a Plan de Corones. Si è salvato per pochi secondi dall’impressionante colata di fango e detriti che ha travolto Valdaora nel tardo pomeriggio di venerdì scorso, nelle stesse ore in cui il maltempo si accaniva anche sulla Val di Fassa. “Sono vivo per tre secondi, dopo sarei morto” ci racconta mostrando il video dalle telecamere di sorveglianza installate nella sua abitazione. Si trovava su una piccola ruspa, su cui era appena salito. Nulla lasciava presagire che nel giro di pochi istanti arrivasse un’ondata violentissima di fango e acqua.

Eugen ci accompagna nelle zona più colpite della vallata. Sono decine i ponti distrutti e trascinati via dalla furia impazzita del torrente che scende a valle. Ha visto con i suoi occhi un’auto parcheggiata vicino casa venir portata via. Una donna si è salvata per un soffio. “Mezz’ora prima c’era il sole, una bella giornata, non c’era nulla. Poi è venuto un temporale, neanche in un’ora è successo tutto” racconta Eugen indicando il pendio sul quale è corso per guadagnare quota mentre il fiume esondava, fino a quando è stato recuperato dagli uomini del soccorso alpino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Su TikTok la bufala di un virus misterioso nelle acque di Gallipoli. E il Comune annuncia querela

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati – 11.976 contagi nelle ultime 24 ore: il tasso di positività stabile al 15,8%. Altre 113 vittime

next