Selvaggia Lucarelli ha preso un taxi dal Duomo, a Milano, per tornare a casa. A 50 metri dalla sua abitazione, quando lei tira fuori il bancomat per pagare, il tassista le dice che ha il pos scarico. A quel punto lei filma la conversazione – la lite – col cellulare. In un primo momento il tassista le dice che aspetteranno in auto l’arrivo della polizia (per la sanzione) e che non fermerà il tassametro. A quel punto la giornalista gli ricorda che è obbligato ad avere il pos, e che lei non è obbligata ad avere i contanti. Così, dopo qualche secondo, l’uomo tira fuori quello che fa passare come “il pos di mio fratello, che è anche il mio socio. Non c’è bisogno di far precipitare le cose in questo modo”. La giornalista gli domanda se non prova un minimo di vergogna. E poi: “Tutto questo giochino per cosa? Per non pagare le tasse?”. Lucarelli, nelle recenti manifestazioni contro il ddl Concorrenza, è stata presa di mira dai cori e dalla rabbia dei tassisti.

Video Instagram/Selvaggia Lucarelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ordina online un libro antico e ci trova dentro delle ciocche di capelli: la macabra scoperta della tiktoker. Il web si scatena: “I trofei di un serial killer del 1800”, “Fai il DNA”

next