A Enrico Letta “abbiamo chiesto due cose”, di non candidare chi non ha votato la fiducia a Draghi e chi è contrario ai rigassificatori nell’uninominali e coerenza sul programma dell’agenda Draghi. “A me sembra davvero il minimo sindacale per non mettere insieme una accozzaglia, piene di idee diverse, totalmente incoerente e di scarsa qualità. Se la risposta sarà no, intanto che arrivi una risposta perché la stiamo aspettando da molto tempo, ma se la risposta sarà no, allora caro Enrico Letta la responsabilità della rottura sarà interamente tua e noi a viso aperto andremo a combattere con una proposta di governo credibile, nel proporzionale, per bloccare l’avanzata della Meloni”. Così Carlo Calenda in un video pubblicato sui suoi social, nel quale racconta “dove siamo nella discussione con il Pd

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I veti di Calenda, le tattiche di Renzi, il disagio della sinistra e ora il “casus belli” sulle tasse: così il Pd di Enrico Letta rischia di restare solo

next
Articolo Successivo

Elezioni, Crippa e D’Incà presentano l’associazione “Ambiente 2050”: “Naturale dialogare con il Pd”

next