È sopravvissuto Gianpaolo Baggio, l’ingegnere 31 enne di Torreano di Cividale, scomparso sul Matajur, in Friuli. Dopo essere rimasto bloccato a strapiombo sulle montagne senza cibo né acqua, si è salvato grazie all’intervento dei pompieri e al personale alpino, ma soprattutto ad Armando Pittoni, caposquadra dei Vigili del fuoco e responsabile delle operazioni di soccorso.

Secondo quanto riportato dal Gazzettino le speranze di trovare in vita l’uomo dopo cinque giorni erano pochissime, ma Pittoni non si è dato per vinto e, dopo essersi confrontato più volte con i genitori dell’escursionista, aveva capito che si trattava di un esperto in grado di studiare tutto nei minimi dettagli: “Una persona così se ha avuto un problema sa come affrontarlo, mi sono detto”. Ad aiutare i ricercatori è stata la mappa che Baggio aveva sul suo computer, quella che avrebbe dovuto percorrere quel giorno. Ma qualcosa non è andato per il verso giusto: il ragazzo è caduto mentre scendeva lungo la ferrata e si è accidentalmente sfilato lo zaino, che è precipitato per circa duecento metri verso valle. Il ragazzo, non sapendo come proseguire, si è avvicinato ad un impluvio e lì è rimasto bloccato, non poteva né scendere né salire. “Fortunatamente l’acqua piovana ha creato nell’impluvio una pozzanghera che ha consentito al ragazzo di bere acqua e fango per giorni e gli ha permesso di salvarsi” ha spiegato Pittoni.

Ha perso conoscenza spesso nel corso dei giorni, per colpa della disidratazione, e questo non gli ha permesso di rispondere ai soccorritori nonostante sentisse il rumore degli elicotteri e delle voci che lo chiamavano. Il 1 luglio un temporale: “Se c’era una possibilità di ritrovarlo vivo, era data proprio da quello. L’acqua può salvarti, può darti una speranza”. Così la mattina seguente sono ricominciate le ricerche: il pilota si è abbassato con l’elicottero e il verricellista ha notato un puntino blu. Era il caschetto di Gianpaolo. Si è calato giù e lo ha raggiunto, poi ha chiamato i vigili per avvisarli che era vivo. “Di fronte alla sorte di un essere umano non c’è fatica, non ci sono costi” ha concluso Pittoni, felice di non essersi rassegnato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Marmolada, la colata di ghiaccio e detriti ripresa a pochi metri di distanza dagli escursionisti in salvo: il video

next