Forti inondazioni a Sydney hanno costretto le autorità a ordinare l’evacuazione di migliaia di cittadini dalle loro case. A causa della piogge torrenziali che stanno colpendo la costa orientale, molte strade sono state interrotte: “Stiamo affrontando pericoli su più fronti: inondazioni improvvise, straripamenti ed erosione costiera. È una situazione di emergenza, insidiosa per la vita” ha dichiarato Stephanie Cooke, ministra dei servizi di emergenza per lo stato del New South Wales. Secondo quanto riportato dai media locali, la polizia del New South Wales ha riferito che un uomo è annegato dopo che un kayak si è capovolto nel fiume Parramatta.

Le piogge e i forti venti stanno interessando soprattutto la parte sud-ovest di Sydney dove sono stati attuati 15 ordini di evacuazione per un totale di 3.500 persone, mentre sono stati gestiti 17 avvisi di evacuazione per altri 6.000 cittadini, come ha riportato The Sydney Morning Herald. L’ufficio meteorologico ha avvertito che le forti piogge continueranno fino a martedì 5 luglio e potrebbero portare a inondazioni e smottamenti improvvisi, da Newcastle a Bateman’s Bay. Da questa mattina, 3 luglio, la diga di Warragamba ha iniziato a straripare. Anche il ponte Windsor, che attraversa il fiume Hawkesbury, è stato chiuso a causa dello straripamento del corso d’acqua. Per questo la compagnia di trasporti del New South Wales ha consigliato ai conducenti di evitare viaggi non essenziali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siccità, riaffiorano i resti dell’antico Ponte Neroniano dal Tevere in secca

next
Articolo Successivo

Jova beach party, perché il Wwf c’è: anche i grandi eventi possono diventare sostenibili

next