Dopo Enrico Ruggeri, Biagio Antonacci. “Anche a me è successo tanti anni fa: mi sentivo un po’ una rockstar. Mi piaceva e mi faceva sentire amato”. Stiamo parlando del “caso” Blanco, ovvero delle molestie che il giovane cantante ha subito da parte di una fan mentre si stava esibendo sul palco del concerto di Radio Italia Live in piazza Duomo a Milano lo scorso sabato 21 maggio: Antonacci ha commentato la vicenda ai microfoni dell’Ansa, raccontando la sua esperienza personale con l’invadenza delle fan. “Oggi c’è una sensibilità diversa. All’epoca tornavo a casa e dicevo: ‘Mi hanno toccato il sedere’. ‘Beato te’, rispondeva mio padre – ha detto il cantautore -. Oggi è diverso. Ognuno ha la sua sensibilità – ha sottolineato – e ognuno le vede come le vuole vedere. Però io non ci vedo nulla di strano e non mi sembra una molestia: sei sul palco, succede anche quello”. Intanto, dopo due anni di silenzio, Biagio Antonacci, è tornato a fare musica con il singolo Seria, fuori dal 27 maggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendio a Stromboli, il racconto di chi l’ha spento: “Uccisa l’anima dell’isola. Tutto in fumo, neanche il vulcano ha fatto tanti danni”

next
Articolo Successivo

Giulia De Lellis ha la tosse e salta i concerti di Vasco Rossi e di Dua Lipa: “Non lo perdonerò mai alla mia salute”

next