Circa 300 persone originarie dei Paesi che facevano parte dell’Unione sovietica, insieme a decine di italiani, hanno manifestato a piazza San Giovanni a Roma per ricordare i caduti durante la seconda guerra mondiale, in occasione della giornata della vittoria che cade il 9 maggio. In piazza le foto dei parenti e delle vittime di guerra e diverse bandiere sovietiche. Quest’anno la commemorazione del “reggimento immortale” ha assunto un significato particolare a causa della guerra in Ucraina. “In questa giornata ricordiamo i nostri nonni caduti per sconfiggere il nazifascismo. Oggi ci troviamo a dover combattere lo stesso nemico. L’Ucraina è diventata la culla del nazismo, la guerra per noi è iniziata 8 anni fa e la Russia sta ponendo fine al conflitto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mose, il commissario dell’opera a due anni dall’incarico ammette che i lavori sono rimasti fermi. E il collaudo è ancora lontano

next
Articolo Successivo

Peste suina, a Roma due nuovi casi: la Regione dà il via libera agli abbattimenti selettivi e vara una “zona rossa” circondata da recinzioni

next