Ma davvero un documentario può abilmente non svelare tutta la verità del tema che racconta e mette in scena? L’abbiamo presa larga e adesso siete già alla ricerca del voto del film o della direzione che prende il pollice sui siti di cinema un po’ più sbrigativi (anticipiamo: 7+ e pollice verso l’alto). Flee, del danese Jonas Poher Rasmussen, in gara per gli Oscar 2022 sia nella cinquina come miglior documentario sia in quella di miglior film d’animazione e pure in quella di miglior film straniero, è un sofisticato rebus animato multistrato percettivo a sfondo politico.

Per raccontare la storia vera di un rifugiato afgano omosessuale nel Nord Europa a cavallo degli anni novanta e primi duemila, storia camuffata però nei nomi e nelle sembianze fisico-somatiche del protagonista, il regista, nonché sceneggiatore, Rasmussen utilizza una forma ibrida di animazione che affascina, respinge e attrae come forse solo all’epoca riuscì nello shock Valzer con Bashir. Chiariamoci. Flee è una lunga seduta introspettiva personale e psicanalitica di Amin, ragazzino in fuga per anni dall’Afghanistan poi da Mosca verso l’Occidente, oggi 40enne in giro per il mondo a tenere conferenze accademiche: sdraiarsi sul sofà, chiudere gli occhi, tornare con la mente, ripetendo a voce non proprio alta ma decisa i ricordi e le sensazioni provate nel proprio complesso e doloroso passato.

A buttarla giù in soldoni: Amin vive l’infanzia a Kabul e assieme alla sua famiglia (madre, padre e fratelli) viene travolto dall’arrembante invasione talebana per la quale gli Stati Uniti si spesero con armi e vettovaglie fino a quando i medesimi diventarono i nemici dell’umanità post 11 settembre 2001. Amin, un fratello più grande e la madre (nel frattempo il padre è scomparso nelle patrie galere e mai più riemergerà vivo), trovano il modo di scappare in aereo a Mosca, ma sfortuna vuole che siano i primi anni novanta e che anche lì sia appena venuto giù tutto con il crollo del Muro di Berlino e dell’URSS. Per sopravvivere con visti scaduti bisogna corrompere la polizia, rimanere chiusi in silenzio in un appartamento freddo e sinistro tra palazzoni scrostati oppure tentare la fortuna migrando clandestinamente verso la Scandinavia.

Ogni tappa della vita di Amin è un trauma preciso, lancinante, ultimativo. A ciò il ragazzino deve anche aggiungere una più profonda e regolare vergogna: quell’omosessualità che tra Afghanistan e Russia è faticoso mostrare in pubblico senza essere emarginato o addirittura fatto fuori. Come abbiamo accennato nelle prime righe per raccontare questa storia Rasmussen, che è anche confessore e vero amico nella vita del protagonista, utilizza due differenti tecniche d’animazione per differenziare i ricordi evocati da Amin: la prima in 2D a colori, più convenzionale per i momenti meno drammatici dell’esistenza vissuta; l’altra più astratta, in un bianco nero grigio, con sagome riprodotte per chiazze e chiaroscuri come per portare alla luce una sorta di terribile rimosso. Un passato che si intreccia, orientandolo e rimodulandolo di continuo, con il tempo presente (anch’esso in un 2D che ricorda il rotoscopio alla Scanner Darkly) dell’autoanalisi e della ricerca, non solo simbolica, di una nuova abitazione dove vivere con il proprio compagno negli anni a venire da rintracciare là dove campagna, pianura e mare del Nord si incontrano fino a fondersi.

L’aggiunta poi di una frequente, vicinissima, tremolante e sincera voce del protagonista, che spesso attraversa come una lama i piani convenzionali del racconto, porta Flee sul terreno del documentario civile (il sangue dei morti in Afghanistan sono traumaticamente veri in 4:3 tratti da filmati e tg dell’epoca) dove la realtà presunta è affascinante frutto del filtro della memoria. Ed è su questo crinale che la forma dell’animazione, in fondo, quasi sembra come frapporsi e disorientare il desiderio di documentare, permettendo abilmente e sinuosamente di svelare alcuni dettagli, posponendone altri, accarezzandone altri ancora per poi di nuovo accostarli di lato. Altro titolo maiuscolo con cui se la dovrà vedere agli Oscar È stata la mano di Dio di Sorrentino. Sequenze animate a cura del Sun Creature Studio di Copenaghen.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il male non esiste, il film iraniano Orso d’oro a Berlino 2020 finalmente in sala. La pena di morte e il diritto del singolo a decidere

next
Articolo Successivo

William Hurt morto, l’attore aveva 71 anni. Vinse l’Oscar nel 1985 per Il bacio della donna ragno

next