Le divise dei professionisti del volo sono appese alla recinzione dell’aeroporto Costa Smeralda di Olbia come simbolo dell’addio alla compagnia aerea sardo-qatariota, finita in liquidazione in bonis. Ma i 1322 lavoratori di Air Italy che da lunedì hanno iniziato a ricevere le lettere di licenziamento collettivo, non si arrendono. Senza più un contratto che li leghi al vettore e senza cassa integrazione – scaduta il 31 dicembre -, dalle 10 di stamattina si sono radunati in assemblea nel parcheggio dello scalo gallurese, davanti alla palazzina della loro ormai ex compagnia. Durante la protesta qualcuno ha anche dato fuoco a una sciarpa lasciata sul cancello davanti all’ormai ex palazzina direzionale di Air Italy, che da prima di Natale non ha più nemmeno l’insegna della compagnia aerea.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, movimento “Disoccupati 7 novembre” e Si Cobas in piazza per tamponi e mascherine gratis

next
Articolo Successivo

Tnt-Fedex, il magazzino dell’Interporto di Bologna (gestito in appalto) lascia a casa 90 lavoratori con un messaggio Whatsapp

next