“La precarietà e la frammentarietà dei contratti” di lavoro “aumentano le diseguaglianze, traducendosi spesso in retribuzioni insufficienti, in un allargamento della platea dei poveri da lavoro, con salari bassi, lavori intermittenti e part time involontari”. Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della cerimonia al Quirinale per la consegna delle Stelle al merito del lavoro. “È dovere inderogabile delle Istituzioni a ogni livello – ha aggiunto il Capo dello Stato – combattere la marginalità dovuta al non lavoro, al lavoro mal retribuito, al lavoro nero, alle forme illegali di reclutamento che sfociano in sfruttamento, quando non addirittura in schiavitù contemporanee, inammissibili“.

NO AL LAVORO SOTTOPAGATO! Cari sostenitori, partecipate a questa campagna, arricchitela con noi! Dite la vostra nel Forum a voi dedicato. Se non sei ancora Sostenitore de Ilfattoquotidiano.it, scopri come diventarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Io dico che non c’è un ‘prima’ e un ‘dopo’ della destra. C’è continuità tra il sì a Di Bella e no vax

next
Articolo Successivo

Intercettazioni, la maggioranza si spacca (di nuovo): due ordini del giorno di Fdi approvati grazie al voto dei renziani

next