Sulla Polonia “non ci sono alternative, le regole sono chiare. Non è stata messa in discussione la legge secondaria dell’Unione, ma la legge primaria, il trattato. Quindi non ci sono alternative, le regole sono chiare su questo”. Lo ha detto il premier Mario Draghi al termine del Consiglio Ue. “Detto questo è chiaro che bisogna mantenere aperta la via del dialogo”, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consiglio Ue, Draghi: “Sul rincaro bollette si deve intervenire presto, preparare stoccaggi. Rinunciare al gas? Non a breve”

next
Articolo Successivo

Migranti, leader Ue spaccati su finanziamento dei “muri” e movimenti secondari. Merkel: “Lascio l’Unione in uno stato preoccupante”

next