Botta e risposta in Commissione parlamentare d’inchiesta sull’omicidio di Giulio Regeni tra il presidente Erasmo Palazzotto ed il ministro degli Affari esteri e per la Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio. Tema dello scontro “il processo abbastanza avanzato di normalizzazione dei rapporti, sia politici sia commerciali, tra Italia ed Egitto” denunciato da Palazzotto. “Io non vedo nessuna normalizzazione, mi dispiace” ha replicato Di Maio. Ma nel corso dell’ultima audizione della Commissione, prima della stesura della relazione finale, il presidente Palazzotto è tornato sul tema, rivolgendo domande al Ministero Di Maio. “A parte il fatto che non è stato più convocato il ‘Business Council’ tra i due Paesi, dal 2018 abbiamo visto come si è sbloccata la vendita di armi verso l’Egitto, quali sono gli altri elementi che oggi rendono ancora critico questo rapporto?”. Domanda a cui ha risposto ancora Di Maio: “Dal 2019 ad oggi non ci sono state visite di Stato, gli incontri che ci sono stati hanno riguardato temi multilaterali come la Libia, la regione Mediterraneo e temi securitari – e ha aggiunto – se la misurazione della normalizzazione tra i due Paesi sono i rapporti commerciali non c’è in questo momento una regia italiana, come invece c’è con Tunisia, Marocco e Libia; per tutto il resto non ci sono iniziative congiunte Italia-Egitto né commerciali, né culturali”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regno Unito, condannato all’ergastolo il poliziotto che ha stuprato e ucciso Sarah Everard. La corte: “Atto brutale”

next