“In grandi Paesi democratici e liberali, come metà degli Stati Uniti e in Canada, la cannabis è legale e non è successo niente di quello che ci dicono da trenta anni. Non cambia niente in peggio rispetto a prima. Anzi la situazione cambia in meglio: più soldi per lo Stato, si sottrae mercato alla criminalità, milioni di persone non devono andare in mezzo ai criminali a prendere sostanze che costano di più, tribunali e carceri si svuotano dei reati di cannabis e le sostanze sono più controllate” lo ha detto il segretario nazionale di +Europa Benedetto Della Vedova, intervenendo al gazebo per la raccolta delle firme per il referendum sulla legalizzazione della cannabis in piazza del Pantheon a Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Referendum sulla cannabis, Bonino: “Raggiunte le 500mila firme. Risposta popolare al di là delle mie più rosee aspettative”

next