Anche McDonald’s comincia a risentire dei problemi ai trasporti e agli approvvigionamenti sorti in Gran Bretagna dopo l’introduzione delle regole sull’immigrazione post-Brexit. Il colosso americano ha infatti esaurito i milkshake nei suoi 1250 punti vendita e anche alcune bevande in bottiglia. Ne dà notizia la Bbc. In un comunicato, la catena di fast food ha affermato di “essere al lavoro col massimo impegno” per risolvere l’impasse nella sua rete di consegne. E ha confermato che la carenza di camionisti è la ragione dietro i disagi.

Problema che riguarda diversi settori dell’economia britannica e, oltre alla regolamentazione introdotta dopo l’uscita del Regno dall’Ue e la partenza dal paese di molti autotrasportatori stranieri, dipende anche dalle restrizioni causate dalla pandemia e soprattutto dall’obbligo di auto-isolamento per molti camionisti che hanno avuto un contatto con persone infette e ricevuto la segnalazione della ‘app’ ufficiale anti-contagi. McDonald’s è solo l’ultima grande azienda ad essere stata colpita dalla carenza di autisti. La catena di ristoranti Nando’s è stata costretta la scorsa settimana a chiudere circa 50 dei suoi 450 locali per la mancata fornitura di pollo, che costituisce la base del suo menù. Il rivale Kfc, altro colosso Usa, ha di recente avvertito la clientela di non poter più assicurare la disponibilità tutti i prodotti in vendita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, diretta – Biden non cede agli alleati del G7: gli Usa saranno fuori il 31 agosto. Draghi: “Mantenere contatti anche dopo”

next
Articolo Successivo

Afghanistan, l’ex-collaboratore Nato: “Talebani mi chiesero di fare un attentato, dissi no e scappai in Italia. Ora mio figlio bloccato a Kabul

next