“Noi lavoravamo sul contrasto alla violenza contro le donne e sui diritti umani, i nostri attivisti sono quindi molto esposti“. Lo racconta Silvia Ricchieri, cooperante dell’ong Cospe, impegnata in attività di cooperazione e sviluppo, in un’intervista all’Ansa. “Abbiamo deciso di andarcene nel 2018, perché era sempre più difficile lavorare per la democratizzazione. Oggi i nostri attivisti ci raccontano dalle province che i talebani prendono le bambine e donne nubili dagli 8 anni in su per farle sposare con i combattenti, le obbligano ad uscire con il volto coperto e le fustigano se escono da sole. Non sono cambiati“. L’ong, come altre organizzazioni umanitarie, sta stilando una lista di persone da evacuare. Il problema è che raggiungere l’aeroporto di Kabul è sempre più difficile: “Devono superare le forche caudine dell’aeroporto controllato dai talebani dove è una roulette russa: o riesci a passare o finisci ammazzato in una sparatoria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, le donne in lotta che sono rimaste fuori dai nostri radar

next
Articolo Successivo

“Dopo le conquiste si rischia di perdere tutto. Ma le ostetriche afghane vogliono continuare a lavorare”. Il racconto dal centro maternità di Emergency nel Panshir che resiste ai talebani

next