“Il green pass è un obbligo morbido, in ogni caso noi siamo favorevoli, perché contribuirà a far vaccinare tutto il personale scolastico”. A dirlo all’Ansa è il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, a tre giorni dall’annuncio del green pass obbligatorio per i docenti. “Il mondo della scuola è la categoria che si è vaccinata di più, con l’introduzione del green pass arriveremo secondo me a un residuo di 1 o 2% di non vaccinati”. I presidi saranno ancora una volta i controllori dell’applicazione del green pass a scuola: “Non contesto il nostro ruolo – dice ancora Giannelli – ma il fatto che si continui a oberare i dirigenti scolastici di compiti nuovi senza le risorse, senza contare che i presidi sono tra i dirigenti dello stato meno pagati. Ce lo ricorderemo in sede di rinnovo contrattuale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green Pass, i presidi contro le multe. I sindacati: “Altro carico di responsabilità. I dirigenti non sono ispettori per la salute”

next
Articolo Successivo

Emilia-Romagna, la sperimentazione: inglese nei nidi e nelle scuole dell’infanzia. “Contrasto all’aumento del divario sociale”

next