Meghan Markle compie 40 anni e lancia, dal sito della Archewell Foundation un’iniziativa per aiutare le donne a rientrare nel mondo del lavoro. “Negli ultimi due anni, in gran parte a causa della pandemia di Covid, decine di milioni di donne nel mondo hanno perso il lavoro, due milioni solo negli Stati Uniti”, afferma la moglie del principe Harry spiegando che come regalo dei suoi 40 anni ha chiesto a “40 amici, attivisti, atleti, artisti e leader globali” di aiutarla per questa iniziativa.

A loro ha chiesto di regalare “40 minuti del loro tempo per guidare ed aiutare una donna a riconquistare la fiducia per ricostruire la propria forza economica” e rientrare nel mondo del lavoro”. L’iniziativa si chiama 40×40 e Meghan chiede a tutti di partecipare: “Pensate se tutti noi dedichiamo 40 minuti al servizio per gli altri, possiamo creare un effetto a catena”, conclude nel video pubblicato sul sito della Fondazione e sui sui canali social. Fin qui nulla da segnalare, se non fosse che la scena è diventata poi esilarante perché, proprio appena ha finito di parlare, Meghan si è accorta di quanto stava succedendo alle sue spalle. Fuori dalla finestra c’era infatti il principe Harry in versione giocoliere che, in camicia e occhiali da sole, faceva volteggiare in aria tre palline dando sfoggio delle sue abilità circensi. Impossibile trattenere una risata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elisa Isoardi, lo yacht ha un problema e lei si tuffa tra le onde per risolverlo: “Stava andando al largo…”

next
Articolo Successivo

“Silvio Berlusconi ha una splendida collezione di farfalle, ha portato me e Giorgia Meloni in giro per la villa guidando come un pazzo”: il racconto di Ignazio La Russa

next