L’attacco hacker alla Regione Lazio non ha avuto ripercussioni solo sul sistema informatico della vaccinazione anticovid, inaccessibile dal momento dell’assalto. Da due giorni ormai sono fermi anche le prenotazioni di visite mediche specialistiche e altri servizi amministrativi della sanità. Lo sanno bene i cittadini che questa mattina sono andati al poliambulatorio Santa Caterina della Rosa a Roma Est, intervistati dall’Ansa. Chi doveva pagare un esame o una prestazione sanitaria, chi doveva cambiare medico di famiglia, chi aveva bisogno di fissare analisi o visite e chi doveva richiedere la tessera sanitaria. Quasi tutti sono stati rimandati indietro dal personale dell’Asl. “Ci hanno detto che è ancora tutto fermo. Non è chiaro fino a quando”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pantelleria, focolaio Covid dopo festa con cento persone: 70 positivi, 3 in terapia intensiva. Il sindaco: “Tutti non vaccinati”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati – nelle ultime 24 ore 4.845 nuovi casi e 27 morti. Tasso di positività al 2.3%. In aumento terapie intensive e ricoveri

next