“L’esito dell’offensiva e dell’attacco cyber è stato quello di aver introdotto un virus che ha criptato il nostro mondo online e che ha bloccato in questo momento una parte importantissima dell’erogazione dei servizi dell’istituzione regionale. Perché sono stati bloccati quasi tutti i file del centro elaborazione dati e le prenotazioni dei vaccini. Le prenotazioni sono ancora ferme”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti nella conferenza stampa convocata per fare il punto sull’attacco hacker contro la Regione. “Al momento il sistema è spento per due motivi – spiega – primo per consentire la verifica interna del sistema, soprattutto non è possibile riaccenderlo per evitare il propagarsi di ulteriori danni e anche perché gli attacchi sono ancora in corso e quindi è opportuno difendere il sistema. La situazione è molto seria e molto grave

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma Cartabia: errare è umano, ma perseverare è diabolico

next
Articolo Successivo

Treviso, scontro tra il leader No green pass e la Ulss. “Violata mia privacy, mai ricoverato per Covid”. L’azienda ospedaliera: “Lo quereliamo”

next