Il dolore e l’amore devono sempre confrontarsi, con Picchio ne abbiamo parlato tante volte, con discussioni che non finivano mai e dove, come sa chiunque abbia parlato con Picchio, c’era un’allegra competitività, una voglia di non dire mai una parola banale, questo è quello che ci porteremo per sempre”. Inizia così il discorso di Emanuele Trevi all’evento organizzato da I ragazzi del Cinema America. Siamo a Roma, piazza San Cosimato e lo scrittore ricorda Libero De Rienzo, scomparso a 44 anni. Trevi continua: “Mi è capitato in questi giorni di vincere un premio importante, lo Strega, e ti arrivano tanti messaggi… Mi è arrivato anche quello di Picchio ‘Hai vinto il premio Strega? Sticazzi‘ e l’ho trovato la cosa più bella che… infatti mi sono inchinato proprio”. A parlare di De Rienzo c’è anche Elio Germano: “Questa è la più grande marachella che ha combinato Picchio per cui ci troviamo tutti qua, e penso che si stia facendo tante belle risate…”. L’attore racconta ‘Sangue. La morte non esiste‘, di e con Libero De Rienzo, Germano stesso, Emanuela Barilozzi, Luca Lionello. “Voleva provare a restituirvi quella che era la sua idea di cinema, di arte, di una modalità di stare al mondo – dice l’attore che non può fare a meno di commuoversi – Ci siamo conosciuti alla fine degli anni ’90, facevamo lo stesso mestiere, siamo cresciuti artisticamente insieme e io gli devo molto perché lui era un po’ il Mozart degli attori alla fine degli anni ’90, era riconosciuto come il più forte di tutti, il più grande di tutti perché forse riusciva a mettere il dolore a servizio di quello che faceva. Viviamo in una società che è fondata sulla rimozione del dolore e invece Picchio ci ha insegnato che l’arte ci dà una grande possibilità: di aprirci e di fare il modo che questo dolore lo sentiamo perché è per tutti uguale, non esiste un dolore diverso dagli altri e siamo tutti uguali di fronte a questo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chadia Rodriguez, la rapper indagata con la banda degli scippatori con lo spray al peperoncino. Gli avvocati: “Mai pervenuta notifica”

next