L‘attacco hacker che ha visto coinvolto la Regione Lazio e il suo sistema di prenotazione del vaccino non sta creando difficoltà al centralissimo hub di Termini a Roma. Nel corso della mattinata tanti sono stati i cittadini che hanno fatto il vaccino, senza riscontrare disservizi. “Non c’erano file e la documentazione dell’avvenuta vaccinazione è stata stampata”, raccontano tutti, mostrando come le apparenti difficoltà iniziali siano state superate. Il problema, ora, si pone su due versanti: la future prenotazioni e i dati personali dei vaccinati. Per quanto riguarda il secondo aspetto gli utenti non sembrano assolutamente preoccupati. “Scarichiamo app che prendono i nostri dati in continuazione, se qualcuno vuol sapere qualcosa di me può già farlo. Meglio il vaccino”, concordano tutti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Bologna, i fischi del treno precedono il minuto di silenzio: dalla piazza l’applauso in ricordo delle vittime – Video

next
Articolo Successivo

Incendi, in Sicilia oltre 250 interventi dei pompieri in 24 ore. Roghi anche in Molise e Abruzzo

next