La storia del fotografo brasiliano Sebastião Salgado e della moglie Lélia Deluiz Wanick è raccontata nel documentario ‘Il sale della Terra’, diretto da Wim Wenders e dal figlio Juliano Ribeiro Salgado. Tornato nel 1998 ad Aimores, nello stato di Minas Gerais, nel cuore della Foresta Atlantica, Salgado a stento riuscì a riconoscere l’area attorno alla Fazenda Bulcao di proprietà della famiglia. Per favorire il pascolo delle mucche, il padre aveva tagliato alberi e piantato erba. La terra era diventata arida e gli animali erano andati via. L’area era appena diventata Reserva Particular do Patrimônio Natural: i proprietari potevano impegnarsi a ripristinare la biodiversità in cambio di sgravi fiscali. La coppia fondò l’Instituto Terra con cui, in vent’anni, sono rinati quasi 20mila ettari di terra con più di quattro milioni di alberi. Sono tornate diverse specie animali, tra cui il giaguaro, a rischio di estinzione a causa di forestazione e bracconaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, la speculazione edilizia rincara la dose a Benidorm: una torre di 47 piani è la nuova icona del kitsch

next
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, la discarica di Albano Laziale ha riaperto. Primo veicolo fermato dalle proteste

next