Un’altra storia di conservazione è quella di Kuki Gallman. Nata a Treviso e figlia dello scrittore, medico ed archeologo Cino Boccazzi, negli anni Settanta si trasferì in Kenya con il marito Paolo Gallmann, esperto di agraria. La coppia acquistò, nella contea di Laikipia, un ranch ricco di animali selvatici. Neppure la morte del marito, in un incidente e poi del figlio Emanuele, morso da un serpente, le hanno fatto lasciare l’Africa. In loro memoria ha dato vita alla Gallmann Memorial Foundation. La tenuta, gestita con la figlia Sveva, è un santuario per diversi animali in via di estinzione, come il rinoceronte nero, e per 500 specie di uccelli. Soprattutto è la casa degli elefanti, minacciati anche dalla siccità indotta dal riscaldamento globale. Kuki Gallman si è battuta contro caccia di frodo e bracconaggio e nel 2017 è rimasta ferita in un’imboscata nella sua tenuta. Tra i suoi libri ‘Sognavo l’Africa’, dal quale è stato tratto il film omonimo con la regia di Hugues Hudison.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, la speculazione edilizia rincara la dose a Benidorm: una torre di 47 piani è la nuova icona del kitsch

next
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, la discarica di Albano Laziale ha riaperto. Primo veicolo fermato dalle proteste

next