È, invece, del fumettista e ambientalista neozelandese James Robert Lynch, l’intuizione di fondare Zealandia (o Karori Wildlife Sanctuary), area naturale protetta a Wellington, in Nuova Zelanda, con 225 ettari di biodiversità. Questo eco-santuario rappresenta davvero un’arca di Noè, circondata da un recinto la cui costruzione è terminata nel 1999, che ha tenuto lontane 14 specie di mammiferi non nativi, tra cui cervi e topi arrivati insieme agli europei, quando terreni agricoli e città presero il posto degli alberi, causando l’estinzione di oltre 50 specie di uccelli. Qui, una ventina di anni fa, sono stati portati dallo zoo cittadino 14 esemplari di kaka, uccello in via di estinzione, endemico della Nuova Zelanda. Oggi sono più di mille.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, la speculazione edilizia rincara la dose a Benidorm: una torre di 47 piani è la nuova icona del kitsch

next
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, la discarica di Albano Laziale ha riaperto. Primo veicolo fermato dalle proteste

next