I fatti del g8 di Genova hanno comportato strascichi giudiziari per oltre dieci anni, alla fine “poliziotti e carabinieri riconosciuti responsabili di pestaggi e tortura hanno avuto pene tremendamente inferiori ai manifestanti che hanno danneggiato vetrine o cose”. A chiarirlo è l’avvocato Ezio Menzione all’incontro pubblico “Quale verità e giustizia per Genova” moderato dal giornalista de ilfattoquotidiano.it Mario Portanova. Tra i relatori anche Emanuele Tambuscio, che ha seguito i processi sui fatti di piazza: “Il processo per devastazione e saccheggio è l’unico relativo ai fatti del g8 che ha portato delle persone in carcere, con pene che vanno da 8 a 15 anni, sproporzionate se si pensa che in Francia le stesse dimostrazioni sono punite con pene che non superano i quattro anni”. È proprio questa “sproporzione della pena” il motivo per il quale è stata impedita l’estradizione chiesta dall’Italia di uno dei cinque condannati che in questi vent’anni si è ricostruito una vita in Francia. “La maggior parte degli operatori di polizia e carabinieri che si sono macchiati di violenze non sono stati processabili perché non è stato possibile identificarli – ricorda inoltre l’avvocata Simonetta Crisci – e i pochi condannati hanno usufruito della prescrizione perché nel 2001 non avevamo il reato di tortura”. Ma l’elemento di maggior rammarico, per il legale dei manifestanti Emanuele Tambuscio, è constatare come non ci siano state adeguate sanzioni disciplinari: “Gli agenti condannati per i fatti della Diaz, Bolzaneto e anche per i pestaggi in piazza sono tutti rimasti in servizio, non ci è dato sapere di alcun demansionamento e anzi – constata con stupore l’avvocato – una delle persone condannate a oltre un anno di carcere è ora in servizio proprio per questo incontro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo Condor, al Fatto.it la vedova Aurora Meloni dopo le 14 condanne di ex militari: “Una liberazione, l’impunità non è eterna”

next
Articolo Successivo

Giustizia, un altro fronte al Csm: il plenum si spacca sulla commissione per il Sud. “Da Cartabia discriminazione incomprensibile”

next