“Io mi ritengo un make up artist ‘anomalo’, nel senso che mi piace esaltare la bellezza ma non stravolgere i visi. La persona truccata deve piacersi ma non sentirsi troppo diversa, che è quello a cui bisogna aspirare: migliorarsi con il make up senza però diventare un’altra persona”. A dirlo è Manuele Mameli, il glam artist delle star e di Chiara Ferragni in particolare, ospite di Claudia Rossi e Ilaria Mauri lunedì 28 giugno per un’intervista in diretta sulla pagina Facebook de Il Fatto Quotidiano e di FqMagazine. Mameli ha sottolineato l’importanza della consapevolezza quando ci si guarda allo specchio e ci si approccia al make up.

Alla base ci deve essere un percorso di auto-accettazione che è la cosa più importante e, oltretutto, ci fa apparire molto più belli agli occhi degli altri perché, se siamo sicuri di noi stessi, gli altri percepiscono la nostra sicurezza e hanno una percezione di noi molto più affascinante – spiega Manuele Mameli -. È per questo che io appoggio tutti i ragazzi che decidono di uscire di casa con il rossetto piuttosto che l’ombretto o il mascara, in barba al conformismo che la società ci imponeva. Se io mi sento di voler rappresentare il mio carattere e la mia personalità in un certo modo, e mi sento sicuro di me stesso, è giusto che io lo faccia e che nessuno si permetta di giudicare quello che io decido per la mia faccia. È giusto che le donne usino l’arma del make up per sentirsi più sicure, perché poi quella sicurezza la trasmettono agli altri”, conclude il glam artist. Qui per rivedere l’intervista integrale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manuele Mameli a FqMagazine: “Per un glam artist è fondamentale instaurare un legame e una fiducia reciproca”

next
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi: “Un prete tentò di baciarmi a 14 anni, mai denunciato. Mi ha fatto tenerezza”

next