Chiuse le indagini sul Billionaire, il noto locale di Porto Cervo di proprietà di Flavio Briatore che la scorsa estate è diventato un focolaio della diffusione del coronavirus. Epidemia colposa è l’ipotesi di reato della procura di Tempio Pausania che – come riporta il Messaggero – ha notificato l’avviso di chiusura dell’indagine al rappresentante legale della struttura. Ai gestori del Phi Beach di Baja Sardinia e del Country Club di Porto Rotondo, altri due famosi locali della Costa Smeralda protagonisti della movida dello scorso anno, è stato contestato invece il reato di lesioni colpose.

Per i pm sardi il Billionaire non ha rispettato tutte le misure per evitare la diffusione del virus al suo interno: in tutto 58 dipendenti risultarono positivi, secondo l’azienda sanitaria sarda. Per quanto riguarda il Phi Beach e il Country Club, secondo la procura i gestori non fornirono un numero sufficiente di mascherine ai dipendenti e alcune di queste – con il logo dei locali – non avevano neanche un’efficacia filtrante.

Nell’agosto 2020, infatti, i locali della Costa Smeralda riaprirono i battenti attirando migliaia di turisti. Ma dopo pochi giorni i contagi tornarono a crescere tra dipendenti e frequentatori dei locali. Primo fra tutti Flavio Briatore che venne ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano. I focolai scoppiarono insieme alle polemiche sulle riaperture e proprio Briatore si rese protagonista di un acceso scontro a distanza contro il sindaco di Arzachena, Roberto Ragnedda, per avere limitato gli orari della movida in Costa Smeralda con l’obiettivo di arginare la diffusione del virus.

Critica sulla decisione della procura è l’avvocato Antonella Cuccureddu che difende il rappresentante legale del Billionaire: “Si tratta di contestazioni inaspettate sia perché i fatti descritti non corrispondono a quelli realmente accaduti, sia perché gli stessi sono stati ricondotti al reato di epidemia colposa, che si ha quando una persona diffonde germi patogeni – dice la legale al Messaggero – La contestazione di epidemia in un contesto di pandemia, cioè di circolazione del virus in più continenti ed ancor più in un ambito territoriale, l’Italia, in cui essa aveva massima diffusione, appare singolare così come leggere che una persona abbia potuto diffondere il virus omettendo di fare qualcosa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carcere ai giornalisti, la Consulta: “L’obbligo è incostituzionale. La pena detentiva è legittima soltanto per fatti di eccezionale gravità”

next
Articolo Successivo

Ex Ilva Taranto, il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del Tar: l’impianto potrà continuare a produrre

next