“Blocco licenziamenti? Temo si capisca bene, è uno scandalo. Confindustria detta gli ordini e Draghi si adegua”, così Nicola Fratoianni, di Sinistra italiana dopo l’offensiva di Confindustria contro il ministro del Lavoro Andrea Orlando, che ha proposto una proroga di 60 giorni del blocco dei licenziamenti per le grandi aziende che nel mese di giugno faranno ricorso alla Cig Covid e dopo che ieri sera la norma è sparita dal decreto sostegni bis.

“Serve un blocco dei licenziamenti più coraggioso. Orlando lapidato per una proposta timida – ha continuato – Siamo davanti a un’ecatombe istituzionale. Il 30 giugno è domani”. E sulle semplificazioni aggiunge: “Si va avanti cercando di non tornare alla preistoria sul piano dei diritti e delle tutele. Liberalizzare la quota dei subappalti è inaccettabile. Occorre intervenire ma non così perché la scelta del governo è del tutto sbagliata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Blocco licenziamenti, Bersani: “Su Orlando campagna indecorosa, ma serve più pragmatismo”

next
Articolo Successivo

Blocco licenziamenti, Fassina: “Solidarietà a Orlando, vittima degli attacchi corporativi sempre più preoccupanti di Confindustria”

next