Mentre prosegue ancora la polemica sulla Rai, sotto accusa per aver fatto pressione per modificare il discorso da portare sul palco del Concertone del 1 maggio, Fedez si rivolge ai politici, in particolare quelli leghisti. “Messaggino per tutti gli amici politici che in questo momento stanno combattendo come delle furie verso il loro nemico numero uno, accusandomi di non aver fatto abbastanza per i lavoratori” dice in alcune stories pubblicate su Instagram. “Innanzitutto vi do uno scoop incredibile: io non sono un vostro collega, io sono un rapper”. E prosegue: “Insieme a una serie di amici artisti abbiamo istituito l’unico fondo per aiutare i lavoratori dello spettacolo che non lavorano da più di un anno e mezzo e abbiamo raccolto in pochi mesi 4 milioni di euro“. Visto che “oggi avete come priorità aiutare i lavoratori, volevo farvi una piccola proposta: perché non chiedete ai tesorieri del vostro partito di decurtarvi una parte del 2 per mille che ricevete come finanziamento ai partiti e li date ai lavoratori dello spettacolo visto che oggi sono la vostra priorità?”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nasce la festa del 5 e 5, lo street-food di Livorno nato prima dell’Unità d’Italia. La ricetta, la leggenda e le solite dispute di campanile

next