Hanno bloccato il traffico con una settantina tra camion e furgoncini. Poi hanno fatto un presidio sotto al palazzo del Consiglio regionale. Così gli ambulanti e giostrai della Sardegna hanno protestato a Cagliari per chiedere non solo risposte, ma anche il via libera a mercati rionali, sagre e spettacoli viaggianti.

La manifestazione ha bloccato le auto della principale strada del capoluogo e gli automobilisti hanno dovuto pensare percorsi alternative. Il presidio è stato organizzato al livello nazionale da Css Ambulantato e da Fiva-Confcommercio. Tante bandiere e striscioni, con messaggi come “vogliamo lavorare” e “siamo alla frutta”.

“Siamo chiusi da quattordici mesi – ha spiegato uno dei manifestanti – i ristori non bastano: serve una data certa per la ripartenza”. Per il momento – è stato detto al microfono durante il sit in – i partecipanti alla mobilitazione hanno ottenuto un appuntamento, quello fissato per mercoledì prossimo con il presidente del consiglio Michele Pais. Tra le richieste anche quella di un’accelerazione sull’erogazione di contributi e ristori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attivisti No Tav si incatenano contro i lavori a San Didero: “La Torino-Lione non è progresso, ma inquinamento e disboscamento” – Video

next
Articolo Successivo

Noipartigiani.it, da Bruno Segre a Lidia Menapace: un blob di alcune delle testimonianze del Memoriale virtuale della Resistenza

next