In teoria ce n’è uno solo nella vita, in pratica alcuni ne hanno fatto una vera e propria collezione. Parliamo dei viaggi di nozze, quella luna di miele che si mette in mezzo tra il matrimonio e l’inizio del rapporto – che si spera duri per sempre – tra due persone. Se fino a mezzo secolo fa si faceva rigorosamente in Italia, toccando le città più belle come Venezia, Roma, Milano o arrivando, per i coraggiosi, fino alla Costiera Amalfitana oggi si vuole andare sempre più lontano.

Il richiamo delle calde spiagge polinesiane, la voglia di avventura nell’immancabile on the road negli Stati Uniti oppure le atmosfere straordinarie di Oman, Tanzania e Sudafrica. Sono proprio loro, i paesi del sud del mondo, ad aver scalzato le mete tradizionali del turismo matrimoniale ed essersi imposti come i punti di riferimento dei novelli sposi.

Lo sanno bene anche i tour operator come ad esempio Turisanda, lo storico marchio del gruppo Alpitour che dal 1924 si rivolge a un target di turisti a caccia di esclusività, eccellenza e proposte di viaggio fortemente personalizzate, costruite sull’esigenza del viaggiatore.
Perché scegliere un viaggio di nozze honeymoon? I motivi sono tanti: dall’esclusività del soggiorno, che sarà costruito sulle vostre esigenze alla disponibilità di una guida dedicata, alla quale chiedere informazioni e lasciarsi accompagnare nell’organizzazione di ogni dettaglio della luna di miele. Fino alla possibilità di accelerare i controlli in aeroporto, e farvi coccolare da un’attenzione speciale, poco invadente ma sempre presente. Insomma, lo scenario ideale per quel viaggio che aspettate da una vita.

Oman, sospesi tra il mare e il deserto
La penisola araba è un luogo strano, apparentemente contraddittorio, dove migliaia di chilometri di deserto sono a tratti interrotti da lussureggianti città moderne o grandi distese rocciose, come quelle delle montagne dell’Oman. È proprio questa nazione, non lontana dalle ormai amatissime Dubai e Abu Dhabi, la destinazione che non pensavi di voler scegliere come meta del tuo viaggio di nozze.
Perché? Potremmo parlare per ore dei motivi, e non solo citando le spiagge di Muscat e le splendide cupole colorate della moschea di Nizwa. Il fascino arabeggiante di un paese mediorientale che incontra le influenze occidentali, soprattutto portoghesi, in un abbraccio di culture che ha reso l’Oman una delle mete predilette del turismo del XXI secolo.

La proposta firmata Turisanda è una luna di miele che dura 7 giorni e 6 notti, perfetta da sola o da abbinare a un viaggio nei vicini Emirati Arabi Uniti. Sì, ma perché l’Oman è così in testa tra le preferenze dei turisti? I motivi sono molti. A partire dalla natura, che non è solo desertica: ci sono infatti ad attenderti gli uidian, grandi canyon scavati dai pochi fiumi che riescono a bagnare il deserto. Come quello di al-Arabiyeen, con le sue piscine naturali o quello di Bani Khalid, un’oasi verde circondata da montagne ocra e illuminata dal caldissimo sole del deserto.
Trasferimenti in fuoristrada, cene nel deserto e splendidi scenari tipici, come quelli dei mercati popolari, completano una full immersion omanita che ti lascerà senza parole. Scoprirai Misfat, Jabal Akhdar e la cucina tradizionale di Jabal Shams, ammirerai le fortezze di Nakhal e ti innamorerai del lungomare di Muscat, la capitale e più grande città del paese.
Un viaggio di nozze all inclusive, dove l’unica preoccupazione sarà quella di coltivare la propria passione e scegliere quali souvenir portare con sé per un ricordo indelebile dell’Oman.

Sudafrica, la natura prima di tutto
Classica, romantica o semplicemente… grande? La bellezza del Sudafrica suggerisce interpretazioni diverse, tante quante le proposte per dei viaggi di nozze nel più meridionale degli stati del continente nero. Del resto è difficile condensare in una sola vacanza una nazione grande quattro volte l’Italia, dove le distanze tra le sue città più importanti vanno percorse necessariamente in aereo. Almeno, e non è neanche così raro, di non voler fare degli on the road che durano per giorni e giorni.
Tre itinerari su misura tra gli 8 e gli 11 giorni che hanno come punto focale la natura sudafricana. È del resto questa, in tutte le sue innumerevoli sfaccettature, che ti farà venire il mal d’Africa. Difficile resistere agli enormi getti d’acqua delle Cascate Vittoria (raggiungibili nel vicino Zimbabwe), oppure rimanere indifferenti davanti al Capo di Buona Speranza, dove si incontrano – senza fondersi – l’Oceano Atlantico e l’Indiano. Sarà un vero e proprio tuffo nella natura autentica quello del Parco Kruger, che da Città del Capo si raggiunge in circa due ore di volo. Ed è qui che si va a caccia (rigorosamente fotografica) dei Big 5, le vere star del parco, dal leone all’elefante fino ai leopardi.

Quello in Sudafrica è un viaggio di nozze che ha i contorni dell’avventura, tra fotosafari ed escursioni in una natura sconfinata. Non è certo la soluzione ideale per chi vuole rilassarsi e basta, ma compensa l’eventuale stanchezza con la meravigliosa natura di un paese che cambia a ogni sguardo, come succede anche a Johannesburg, la più moderna delle città sudafricane e unica tra le grandi a non ricoprire il ruolo di capitale.

Tanzania e Zanzibar: un viaggio di nozze “mari e monti”
La più eterogenea delle proposte di viaggio al Sud tocca un paese che riesce a conquistare anche i turisti più navigati: la Tanzania. Sospesa tra le acque del Lago Vittoria, la natura selvaggia del Serengeti e le isole visitatissime dell’arcipelago di Zanzibar, questa nazione è spesso scelta per le sue calme e placide spiagge e per le tante opportunità di escursione nell’entroterra.
La Tanzania è perfetta per gli eterni indecisi, o per una luna di miele che vuole accontentare entrambi i novelli sposi: c’è il relax vista mare di Kigamboni a Dar es Salaam, ci sono i safari fotografici nei grandi parchi come Mikumi e Ruaha e c’è l’avventura della Rift Valley, che viene chiamata anche la culla dell’umanità. È anche la terra dei laghi, poiché nei suoi confini ci sono i tre più grandi, profondi e importanti di tutta l’Africa. Soprattutto il Nyanza (o Victoria), che apre alla possibilità di romantiche crociere interne, magari per raggiungere le isole Ssese. Questo romantico arcipelago, dalle acque cristalline e dall’aspetto incontaminato, si trova in realtà in Uganda ma raggiungerlo dalla Tanzania è possibile, anzi facile.
Tra le tappe di questa Tanzania honeymoon ci sono Arusha, Tarangire e Ngorongoro, splendide località naturali dove si alternano spazi desertici, fitte foreste tropicali e incontri casuali con elefanti, rinoceronti e zebre. Una vera e propria cartolina africana.

Lasciati ispirare per il tuo viaggio di nozze con destinazione Sud.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pueblos con encanto, la primavera alle Canarie è un paesino vista mare

next
Articolo Successivo

Dante, guelfi, ghibellini e le (finte) fazioni nell’Italia di oggi. Ecco cosa potete leggere su FQ MillenniuM di aprile

next