Hanno analizzato gli elenchi dei vaccinati e verificato quelle che sembravano anomalie. Così i carabinieri, coordinati dal procuratore di Biella, Teresa Angela Camelio, hanno scoperto i furbetti del vaccino. Tutti iscritti nel registro degli indagati. Sono una sessantina gli avvisi di garanzia. Tra questi qualche dirigente, avvocati e commercialisti, ma anche il commissario dell’Asl Diego Poggio, il direttore sanitario e quello amministrativo. A inizio gennaio, quando la campagna riguardava soltanto i sanitari e gli ospiti delle Rsa, avrebbero saltato la fila per farsi vaccinare.

Quella piemontese non è l’unica indagine su chi salta la fila e scavalca le priorità. Altre inchieste sono state aperte da diverse procure. In Puglia gli investigatori nei giorni scorsi hanno scoperto che tra chi ha approfittato della somministrazione ci sono anche alcune decine di minorenni. Con loro anche alcune decine di persone che hanno approfittato della dicitura ‘volontari’ ai quali era concesso il vaccino prima di una circolare regionale che ne ha specificato la tipologia, ovvero i volontari del servizio 118, quelli che portano le bombole a casa dei pazienti con il Covid, e quelli che lavorano nel servizio di emergenza-urgenza. Anche in Liguria sono in corso accertamenti del Nas, nelle scorse settimane i militari hanno acquisito dalle Asl competenti sulle quattro province le liste di tutti quelli che hanno ricevuto il composto per prevenire Covid. Si sta partendo dall’analisi dei più giovani incrociando appunto il dato anagrafico, l’appartenenza a categorie privilegiate ed eventuali patologie.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arrestato sindaco di centrodestra di Opera: ‘In piena emergenza Covid ha preso mascherine destinate alle Rsa per darle a famigliari e amici’

next
Articolo Successivo

Torino, 91enne ucciso in casa: confessa pluripregiudicato di 50 anni. Aveva ancora i vestiti sporchi di sangue

next