L’obiettivo di “Game Of Games” è il puro divertimento e grande impatto visivo con protagonisti sei Vip a puntata e diversi concorrenti non famosi. Solo un “sopravvissuto” dopo diverse gare ed eliminazioni avrà l’opportunità di aggiudicarsi il montepremi della puntata, ma a patto di superare la sfida contro il tempo. Simona è al centro di un grande lunapark, una scenografia ricca di luci, colori ed effetti speciali, macchine sceniche, degne dei migliori parchi divertimenti, trabocchetti, botole o vasche.

La conduttrice, dopo “The Voice Of Italy”, “Settimana Ventura” e “Fenomeno Ferragni”, dunque è su Rai Due con “Game of Games – Gioco loco”, ogni mercoledì in prima serata. Il format è nato nella stagione televisiva 2017/2018 sulla NBC con alla conduzione Ellen DeGeneres, poi è stato sviluppato anche in Brasile, Australia e Thailandia, per poi arrivare in Europa dove lo show è già stato trasmesso in Germania, Spagna e Portogallo. La versione italiana, prodotta da Blu Yazmine per Rai Due, vede giochi spettacolari studiati per mettere alla prova in ogni puntata 6 “Vip” affiancati da altrettanti concorrenti. Scopo della sfida arrivare al gioco finale e portare a casa il montepremi in palio. Terminati i 6 round di giochi preliminari a eliminazione diretta, i quattro vincitori accedono alla semifinale. Solo l’unico “sopravvissuto” avrà l’opportunità di aggiudicarsi il montepremi della puntata, ma a patto di superare la sfida contro il tempo.

Nelle prossime puntate saranno ospiti: Dj Angelo, Alex Belli, Fabrizio Biggio, Sofia Bruscoli, Marco Carta, Max Cavallari, Jody Cecchetto, Maddalena Corvaglia, Sara Croce, Omar Fantini, Peppe Iodice, Jonathan Kashanian, Enzo Miccio, Juliana Moreira, Franceska Pepe, Amaurys Perez, Gilles Rocca, Nicole Rossi, Gianluca Scintilla, Totò Schillaci, Ema Stokholma, The Show, Melita Toniolo e Debora Villa.

“La cosa che mi è piaciuta di questo format – ha spiegato Simona Ventura presentando alla stampa lo show – è che mi dava la possibilità di tornare a fare la conduttrice a tutto tondo dando le battute e creando il ritmo del gioco. Una dimensione molto mia e mi sono divertita tantissimo. Abbiamo registrato le puntate in Portogallo a dicembre. La casa di produzione Warner ci ha messo a disposizione il grande studio per registrare le puntate. Una esperienza importante dopo tanti mesi di lockdown e sia noi che loro eravamo felicissimi di essere di nuovo sul campo al lavoro. Il fatto di tornare a fare quello che era normale fino a qualche mese prima. Nel format originale c’è ampio spazio alle persone comuni che sono i protagonisti dello show, ma a me piace maltrattare i Vip ed è per questo che ne abbiamo invitati un bel po’”. Una curiosità: tra i vip invitati ci sono Elettra Lamborghini, Massimiliano Rosolino e Gilles Rocca tutti protagonisti de “L’Isola dei Famosi” targata Ilary Blasi. “Non sapevamo che poi sarebbero stati scelti per l’Isola – spiega a FQMagazine Simona -, in ogni caso bene così. Si vece che ci avevamo visto bene (ride, ndr). Ho visto la nuova edizione dell’Isola e Ilary sta facendo benissimo, tutti sono tarati sul ritmo che è fondamentale. Però io non ci tornerei mai più”.

Tra i giochi previsti durante “Game Of Games” ci sono “Il tempo delle mele”, “La parola pericolosa”, “Giro Quiz”, “Vola Vola”, “Lo Sciacquone”, “Il Puzzle”, “In Bocca Al Mostro”, “YouTuba”, “La Piramide”, “Ocio Che Cade”, “La Sedia Musicale”, “La Botola” e “Il Gioco dei Giochi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lutto per Benedetta Rossi, è morto il suocero Lanfranco: “Una brutta malattia che nelle ultime settimane si era molto aggravata”

next
Articolo Successivo

Alessandra Amoroso: “Mi violentavo psicologicamente, ero il limite di me stessa. Grazie alla psicoanalisi ho voltato pagina”

next