Nessun farmaco anticoaugulante deve essere preso prima o dopo essere sottoposti al vaccino Astrazeneca. A spiegarlo è stato il direttore generale di Aifa, Nicola Magrini, nel corso della conferenza stampa al Ministero della Salute con la quale è stato ufficialmente revocato il divieto di somministrare il vaccino Astrazeneca in Italia, dopo il parere positivo dell’Ema. Magrini ha anche precisato che l’Agenzia italiana del farmaco esprimerà nei prossimi giorni un documento ufficiale “contro un uso preventivo o profilattico di farmaci come aspirina, tachipirina o eparina” prima o dopo l’iniezione.
Ma non solo. Aifa ha anche precisato come “non ci sono controindicazioni” per le donne che usano la pillola anticoncezionale. “Rivolgetevi al medico solo in presenza di sintomi. Non ci saranno avvertenze speciali per gravidanze o allattamento, né per chi assume pillole anticoncezionali o ha fattori genetici che predispongono alla coagulazione del sangue”, ha aggiunto Magrini. Per poi concludere: “Chi si deve vaccinare o si è vaccinato deve stare tranquillo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trento, “la sanità è in emergenza e la dirigente lavora in smart working dalle Canarie”: l’interrogazione del consigliere provinciale

next