Per la prima volta nel mondo Uber garantirà ai suoi 70mila autisti britannici lo status di dipendenti. Gli autisti dell’app avranno diritto, fra l’altro, al salario minimo e alla pensione. La decisione di Uber segue il verdetto della Corte Suprema del Regno Unito che ha stabilito che gli autisti vanno considerati come dei dipendenti e non collaboratori autonomi.

Uber ha in Gran Bretagna il suo mercato europeo più consolidato sia sul terreno del trasporto dei passeggeri (quantificati in svariati milioni soltanto a Londra) sia su quello del delivery. La Corte nella sentenza di febbraio ha considerato molteplici elementi a dimostrazione dell’evidenza di un modello da lavoro dipendente: il fatto che fosse la società a dettare le tariffe e i massimali di guadagno del personale; che i contratti di collaborazione fossero imposti secondo schemi standard e non negoziati; che i driver dovessero accettare un minimo di corse, come in un turno di lavoro, salvo esser penalizzati; che l’azienda potesse ammonirli ed eventualmente licenziarli basandosi sui giudizi affidati ai passeggeri attraverso l’attribuzione online di una o più stelle per esprimere soddisfazione o insoddisfazione sul servizio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salario minimo, ok del Senato alla proposta di direttiva Ue. M5s: “Fissare una soglia di dignità lasciando alla contrattazione le altre voci”

next
Articolo Successivo

Jobs Act, Corte Ue: “Non è discriminatoria e non va contro il diritto europeo la mancata reintegra in caso di licenziamento illegittimo”

next