La sua campagna vaccinale è riconosciuta come la più efficiente e meglio organizzata al mondo e la velocità nella somministrazione delle dosi – pagate più del doppio rispetto all’Europa per assicurarsele prima – sta permettendo a Israele di riaprire gradualmente e in sicurezza teatri e ristoranti, dopo ben tre lockdown. I risultati per il premier Benyamin Netanyahu sono evidenti: Israele, ha detto in un’intervista a Fox News, “è il primo paese al mondo a emergere dal Covid“. “Attenzione – ha aggiunto – non penso che ne siamo fuori completamente. Dovremo indossare la mascherina ancora per un po’ di tempo. Ma la pandemia è dietro di noi”.

Il premier, che si è vaccinato a favor di telecamera lo scorso 20 dicembre, ha ricordato anche che il ‘Green Pass’, la certificazione che attesta l’immunità da vaccino o da guarigione da Covid-19, “si può andare al ristorante, nei teatri, agli eventi sportivi. Questo è. Ne stiamo uscendo”. Sono 4.859.948 le persone che finora hanno ricevuto la prima dose (oltre la metà dell’intera popolazione), e di questi 3.576.379 hanno avuto anche la seconda. Secondo il professore Eran Segal del Weizmann Institute, circa l’87% di tutti gli israeliani over 16 – e che non sono né ebrei ortodossi, né arabi – hanno ricevuto almeno una inoculazione. Gli ortodossi sono invece al 72% mentre gli arabi israeliani più indietro, al 64%.

Il mantenimento delle misure anti-contagio, che includono mascherine e distanziamento, era stato specificato anche da autorità ed esperti sanitari, che in un briefing via zoom hanno ribadito che l’immunità di gregge non può essere raggiunta al momento, visto che il 30% della popolazione di Israele che è under 16 non può ricevere le iniezioni del farmaco. Studi sono in corso per capire se sarà possibile o meno.

Intanto i dati continuano a esaltare i risultati della campagna vaccinale: per la prima volta da dicembre scorso il numero dei casi gravi di Covid in Israele è sceso sotto i 700 confermando così un andamento positivo. Le nuove infezioni registrate nelle ultime 24 ore sono 4.143 (su 82.670 tamponi), i casi gravi 699 e di questi 224 in ventilazione. Almeno il 50,1% delle nuove diagnosi positive riguardano adolescenti e bambini e solo il 5,4% gli over 60: dato che indica – hanno osservato gli esperti – l’efficacia della vaccinazione. Le vittime – da inizio pandemia – sono arrivate a 5.815. Il fattore R (che indica la capacità di infettare per ogni singolo positivo) è sotto l’1 (0.99). Intanto prosegue la campagna vaccinale di massa a partire dai 16 anni di età.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, perché accogliere l’invito della Ong triestina ‘Linea d’Ombra’ contro l’emarginazione

next