“Andiamo verso un ulteriore sacrificio per l’incapacità dell’Europa di avere dosi a sufficienza”. Lo ha detto Massimiliano Fedriga, presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia, dopo aver annunciato la didattica a distanza per scuole medie e superiori e misure più restrittive per le province di Udine e Gorizia, in zona arancione. “Mi prendo la responsabilità di scelte difficili – ha affermato – di far pagare un ulteriore prezzo a chi ha già pagato caro. Non si può pensare che l’alternativa al vaccino sia sempre e comunque la restrizione. Questo è l’ultimo sforzo che il Friuli-Venezia Giulia è disposto a fare“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, “siamo preoccupati, la situazione peggiora”: i governatori del Nord cambiano tono. “Zone rosse? Pronti a intervenire”

next
Articolo Successivo

Governo Draghi, la (non) comunicazione può causare gravi danni al Paese

next