Una provocazione per mettere l’accento su uno dei drammi più sentiti degli ultimi anni: i cambiamenti climatici. Il video che la città di Salla, che per le temperature che arrivano anche a -50 gradi celsius si è proclamata la più fredda della Finlandia, ha girato per candidarsi alle Olimpiadi estive del 2032, è ironico, ma fa riflettere allo stesso tempo. Con una serie di frasi provocatorie gli attori della clip sottolineano a cosa si va incontro sottovalutando il problema del surriscaldamento del globo. “Non ho mai sentito caldo in vita mia, ma sono certa che accadrà”, “questa neve diventerà sabbia”, sono alcune delle affermazioni dette nello spot. L’intento è stato poi spiegato da Erkki Parkkinen, sindaco della cittadina: “Vogliamo che Salla resti com’è. Che i nostri inverni rimangano come una volta, veri inverni. Se restiamo inermi e non facciamo nulla, e lasciamo che il surriscaldamento globale prevalga, perderemo la nostra identità”. La città di Salla, come si vede anche al termine del video, in questa lotta si è unita ai Fridays for Future, il movimento fondato da Greta Thunberg. Il monito diventa così anche globale: “Le Olimpiadi storicamente nascono per unificare le persone e le nazioni. E il cambiamento climatico è adesso un problema per tutto il mondo”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Shell dovrà risarcire gli agricoltori nigeriani: i signori del petrolio non sono più al sicuro

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, questo è ciò che diremo in Commissione Ambiente alla Camera

next