“Abbiamo una macchina organizzativa poderosa in grado di fare centinaia di vaccini al giorno e raggiungere quella immunità di gregge che ci porta fuori da questa malattia. Quindi la mancanza di dosi non è un problema, ma è il problema”. Lo ha spiegato in un’intervista il direttore sanitario dell’Ospedale Spallanzani, Francesco Vaia, parlando dei ritardi accumulati nella distribuzione dei vaccini. “Noi ora stiamo facendo i richiami e sospeso le prime dosi non le seconde. Spero che le regioni si siano comportate con prudenza. Ora c’è bisogno di una risposta corale, dobbiamo superare la logica del brevetto, noi abbiamo bisogno che ci siano produzioni in casa, i paesi devono essere autosufficienti e quindi c’è bisogno di altre aziende che pur non avendo il brevetto comincino a produrre. Dobbiamo avere una visione etica e definire il vaccino come bene universale”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Escursionisti dispersi sul monte Velino, anche l’esercito partecipa alle ricerche: allestite strutture da campo – Video

next