Moni Ovadia, accompagnato da Maurizio Dehò (violino) e Nadio Marenco (fisarmonica), rende omaggio a Gianfranco Maris, con “Memoria è vita”, uno spettacolo trasmesso sulla pagina facebook di Fondazione Memoria della deportazione e registrato all’interno dell’ex carcere Sant’Agata di Bergamo dove Gianfranco fu rinchiuso dopo essere stato violentemente interrogato da fascisti e SS e prima di essere trasferito a San Vittore e quindi a Fossoli, Bolzano, Mauthausen.
Gianfranco Maris ha sempre insegnato che i luoghi diventano documenti quando si dà voce agli eventi in essi vissuti. I figli Floriana e Gianluca insieme al grande amico Moni Ovadia ritornano nell’ex carcere di Sant’Agata per ricordare attraverso le parole di Gianfranco le vite di uomini e donne offese dalla violenza del nazifascismo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mal di schiena e dolori al collo: tutti gli errori da non fare quando si sta al pc. La guida: gli esercizi posturali

next
Articolo Successivo

Festival di Sanremo, Assomusica: “C’è ancora poca chiarezza. Sul pubblico in sala non mi pare ci siano le condizioni normative”

next