di Lorenzo Giannotti

Alla soglia della mezzanotte non riesco ancora a chiudere occhio. La notizia delle dimissioni delle ministre italovive mi sconquassa nel profondo, tramortito dalla depressione post-conferenza del terzetto capitanato dal Disturbatore d’Italia (copyright Financial Times), mi barcameno tra la cucina e il salotto strusciando le babbucce sul parquet scalfito dall’inesorabile passaggio del tempo.

La visione delle foto degli scatoloni da trasloco della ministra Elena Bonetti fa sì che mi si formi un groppo in gola che mi preclude la regolare andatura della respirazione. E che dire sul gran discorso della ministra Teresa Bellanova… Ancora li rimugino, quei quattro minuti che il magnanimo leader le ha concesso con il noto altruismo che lo differenzia dai più.

Ivan Scalfarotto l’ho sentito nominare ma non l’ho visto: sarà arrivato in ritardo ancora alle prese con i bagni di folla pugliesi, comunque è sempre un sottosegretario coraggioso che se ne va, e il coraggio, si sa, è merce rara di questi tempi. Non dormo (la tristezza per la perdita del trio renziano non si è ancora attenuata) e penso, bombardato dai mille dubbi che questa crisi di governo ha figliato in me. È meglio un governo raffazzonato con i famosi “responsabili”, o andare a elezioni anticipate?

Anzitutto, mi chiedo perché “responsabili” e non “poltronari” come, da che mondo è mondo, son sempre stati appellati. Ma lasciamo stare le questioni semantiche ché non è tempo di arrovellarci appresso a loro. Piuttosto, un esecutivo sarebbe auspicabile, benché rattoppato dai nostri “responsabili”: siamo pur sempre in tempi di pandemia; le scadenze incombono; il piano vaccinale è partito bene ma ha bisogno di continuare ancor meglio; la nave nel bel mezzo della tempesta necessita di una guida politica, e chi oggi meglio di Conte?

Sull’altro piatto della bilancia le elezioni, che avrebbero un unico, ancorché insperato, vantaggio: la definitiva, seppur tardiva, dipartita politica del Disturbatore d’Italia. Da una parte la testa con il bene collettivo e del Paese, e dall’altra il cuore con l’inesauribile e inenarrabile godimento che ne sortirebbe.

Non credo mi sarà concesso coricarmi con questi amletici dubbi che mi attanagliano, ma una cosa l’ho capita bene: se Conte avesse avuto meno follower sui social a quest’ora me ne starei bello tranquillo fra le braccia di Morfeo. Quella proprio non l’ha digerita, il nostro “demolition man”.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, via libera dal Consiglio dei ministri a scostamento di bilancio per 32 miliardi di euro

next
Articolo Successivo

Anomalie

next