L’acqua del lago di Bracciano è diventata improvvisamente rossa. La ‘mutazione’ è avvenuta domenica 10 gennaio ed è durata poche ore. Ma il fenomeno, che è stato immortalato con delle fotografie, ha fatto comunque il giro dei social e ha suscitato ansie e dibattito soprattutto tra i cittadini che abitano a nord della città metropolitana di Roma. “Non ci sono alghe tossiche”, ha subito rassicurato su Facebook il Parco naturale regionale di BraccianoMartignano, tanto che il colore delle acque, quando i guardia parco insieme alla polizia locale di Bracciano hanno svolto il sopralluogo, era già tornato alla normalità.

A colorarsi di rosso è stata soprattutto la zona a ridosso del bagnasciuga del lago. Un indizio insieme “alla scarsa persistenza nel tempo, nonché all’assenza di tracce in sospensione nell’acqua o sul bagnasciuga riscontrata durante il sopralluogo”, che hanno portato il Parco ad “escludere cause legate a fioriture algali tossiche”. Anche se l’ente fa sapere “non intendiamo sottovalutare l’accaduto: proseguiranno approfondimenti da parte dell’Ufficio naturalistico e dei guardia parco anche attraverso un attento monitoraggio della zona e non solo”. Al momento non sono state presentate denunce e quindi le indagini per comprendere l’accaduto non sono ancora partite.

(Credit foto: Facebook, Stefania Loi)

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dalle ciclabili alla raccolta differenziata: a Milano i cittadini scelgono cosa fare per raggiungere la neutralità carbonica

next
Articolo Successivo

In 13 anni di deforestazione distrutta un’area grande come la California. L’allarme in un report del Wwf: “Ecco le azioni urgenti”

next