Non usava dispositivi di protezione in classe e incitava gli alunni a togliere la mascherina e ad avvicinare i banchi. Per questo, dopo le proteste dei genitori, la maestra Sabrina Pattarello della scuola elementare Giovanni XXIII di Treviso aveva ricevuto sanzioni disciplinari ed era stata sospesa da scuola. Ma lunedì 11 gennaio è tornata in classe: la notizia è circolata velocemente sulle chat dei genitori, che si sono messi d’accordo e per protesta si sono presentati a scuola per portare via i figli prima dell’orario di uscita. Come riporta Il Gazzettino, la maestra era anche apparsa in un servizio di Piazza Pulita su La7, in cui si racconta la manifestazione dei negazionisti del Covid-19 organizzata a Padova lo scorso settembre.

La maestra aveva presentato un certificato medico alla dirigenza scolastica in cui dichiarava di non poter usare la mascherina per problemi di salute. La scuola le aveva messo a disposizione altri dispositivi di protezione, come la visiera di plastica trasparente. Ma l’educatrice si è rifiutata di indossarli. Per questo la docente è stata spostata a compiti di supporto, in compresenza con altri insegnanti, e il suo caso è stato segnalato al Ministero, che deciderà su una sua eventuale sospensione definitiva. Dopo le rassicurazioni da parte della dirigenza che la maestra non sarebbe stata lasciata da sola con i bambini, alcuni genitori hanno scelto di lasciare i figli a scuola.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stressati e pessimisti per il futuro: il 33% degli studenti vorrebbe un supporto psicologico. “Le lezioni online hanno eliminato la socialità”

next
Articolo Successivo

Scuola, Azzolina in Aula: “Spiace che gran parte delle Regioni abbiano posticipato il rientro in classe”

next